La Bibliomedia della Svizzera italiana e Media e Ragazzi Ticino e Grigioni italiano invitano insegnanti, bibliotecari e genitori a PAROLE DA LIBERARE due serate dedicate alla dislessia presso la Bibliomedia della Svizzera italiana, via Lepori 7, Biasca

Lunedì 19 ottobre 2009 alle ore 20.30 con Emanuela Di Campli presidente dell’Associazione logopedisti della Svizzera italiana

Mercoledì 21 ottobre 2009 alle ore 20.30 con Luca Grandi, resp. ricerca e sviluppo software didattici/riabilitativi della Cooperativa Anastasis di Bologna La dislessia è un problema che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e scorrevole. La fatica e le difficoltà dei bambini affetti da questo disturbo non sono evidenti e sono sempre ancora materia di studio. Per spiegare e chiarire questo particolare argomento, i promotori di Nati per leggere hanno organizzato due serate speciali.

Clicca qui per maggiori informazioni

Prima serata: lunedì 19 ottobre La dislessia suscita sempre maggiore interesse, tocca tra il 2 e il 5% della popolazione scolastica e spesso non viene neppure diagnosticata. Le difficoltà di lettura e di scrittura causate dalla dislessia possono ripercuotersi sull’apprendimento in generale e col tempo causare un disagio diffuso nei confronti della scuola e in ambito sociale e familiare. Durante la serata saranno affrontati: l’aspetto clinico e pedagogico, la stimolazione precoce e la prevenzione.   Emanuela Di Campli vive e lavora ad Aurigeno ed è presidente dell’Associazione logopedisti della Svizzera italiana. Partecipa a conferenze e corsi di aggiornamento ed è coordinatrice del “Gruppo cantonale Progetto dislessia”. Con altri è autrice di numerose pubblicazioni sull’argomento.

Seconda serata: mercoledì 21 ottobre Si tratterà del ruolo dell’informatic a nella dinamica dei disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) e principalmente dei più recenti strumenti compensativi. Verranno presentate le strategie e i metodi di intervento curati e proposti dal “Gruppo di Informatica per l’Autonomia”, con una particolare attenzione agli strumenti utili a favorire un processo di autonomia nello studio.

Luca Grandi è responsabile della ricerca e dello sviluppo di software didattici e riabilitativi della Cooperativa Anastasis di Bologna. Recentemente ha curato lo sviluppo di vari strumenti compensativi per la dislessia. È membro del Comitato Problematiche Sociali dell’Associazione italiana dislessia. Con Giacomo Stella ha dato avvio ai Campus di Informatica per l’autonomia rivolti a studenti affetti da dislessia. Nel 2001, per sviluppare e sperimentare nuove strategia didattiche, ha fondato il gruppo di lavoro “Informatica per l’Autonomia” di cui fanno parte psicologi, logopedisti e educatori.